Le strutture religiose accolgano gli immigrati

 

 

di Chiara Saraceno

 

 

 la Repubblica del 27 marzo 2011

 

Sarebbe bello che le istituzioni religiose aprissero almeno una parte delle proprie strutture per dare unospitalit decente alle migliaia di immigrati, in primis ai minori non accompagnati, che arrivano a Lampedusa in fuga dallincertezza e dai pericoli dei loro paesi in conflitto. Sarebbe non solo una doverosa compartecipazione allazione di solidariet collettiva cui tutti siamo chiamati a fronte di questa emergenza umanitaria, ma un atto di restituzione di un mancato introito per il bilancio pubblico (stimato in 70-80 milioni di euro) in un periodo di tagli alla spesa sociale che colpiscono soprattutto i cittadini pi vulnerabili. Soprattutto sarebbe una, sia pure temporanea, dimostrazione

che effettivamente quelle strutture hanno finalit religiose e assistenziali e non commerciali e quindi la giustificazione formale del sostanzioso sconto Ici di cui beneficiano gli immobili destinati "esclusivamente allo svolgimento di attivit assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive o per uso culturale" ha un effettivo fondamento. Ricordo

che, nonostante il parere contrario della Corte di giustizia Europea che giustamente ha parlato di trattamento di favore lesivo della concorrenza, il governo lo ha mantenuto e introdotto anche nel decreto sulla fiscalit municipale, anche se, specie per le "strutture ricettive", spesso davvero difficile non definirle commerciali. Non basta la pur benemerita opera della Caritas, oggi in prima linea anche a Lampedusa, a giustificare perch i vari conventi trasformati in strutture alberghiere a Roma come a Venezia e in altre citt debbano pagare meno Ici di qualsiasi altro albergo, pensione o bed and breakfast, facendo anche concorrenza sleale. Questo il momento di dimostrare che sono innanzitutto dedicate allo svolgimento d attivit assistenziali ed anche ricettive non commerciali. Sarebbe anche opportuno che il governo ripensasse alla sua decisione di non avere un unico election day, buttando al vento centinaia di migliaia di euro. E stata una scelta sconsiderata in s, appunto in un periodo di tagli dolorosi, ma lo tanto pi ora, quando le immagini dei profughi ridotti in condizioni disumane non possono non lasciarci pieni di vergogna. Lo scarto tra spreco e bisogno letteralmente intollerabile.

Sarebbe infine bello che questanno lo Stato, a fronte di tagli alla spesa sociale e viceversa crescenti domande di sostegno in una situazione in cui una emergenza sociale non ne cancella unaltra, indicasse due-tre priorit sociali su cui si impegna a spendere l8 per mille che gli verr destinato nelle dichiarazioni dei redditi. Offrirebbe ai cittadini una alternativa effettiva, invogliando una quota maggiore di contribuenti ad indicare il proprio destinatario di elezione: tra le diverse chiese e confessioni religiose e, appunto, lo Stato. E bene ricordare, infatti, che solo una minoranza dei contribuenti indica un destinatario dell8 per mille. Chi non sceglie, convinto che i soldi

rimangano nel bilancio pubblico. Ma non cos. Lintero ammontare dell8 per mille delle entrate ripartito sulla base delle scelte effettuate. Chi conquista la maggioranza della minoranza che sceglie, conquista perci anche la maggioranza dellintero ammontare. Come nelle elezioni, chi si astiene di fatto come se votasse con la maggioranza. In una situazione di risorse scarse e bisogni gravi crescenti, mi sembra davvero non solo poco democratico, ma uno spreco non mettere i cittadini di fronte a possibilit di scelta effettiva sugli obiettivi concreti, in campo sociale, su cui distribuire l8 per mille.