HOME PAGE CDB CHIERI

Pena di morte e il dovere di indignarsi

 

di Luigi Sandri

 

Trentino del 27 ottobre 2014

 

Il patibolo sul quale laltro giorno a Teheran stata impiccata una donna iraniana accusata di aver ucciso un uomo che la stava stuprando ha riacceso in Occidente, sulla pena di morte, un ampio dibattito che gi si era avviato gioved in seguito a un impegnativo discorso di papa Francesco. La donna - Reyhaneh Jabbari - sarebbe stata graziata se lei si fosse pentita di accusare il suo violentatore, un agente dei servizi segreti iraniani; ma non lha fatto; ed morta innocente. Da parte sua il pontefice aveva affermato: Tutti i cristiani e gli uomini di buona volont sono chiamati oggi

a lottare per labolizione della pena di morte, legale o illegale che sia. Il no alla pena di morte - quella legale, cio comminata dagli Stati in base alle loro leggi - il punto di arrivo di una storia accidentata. Infatti, per tantissimi secoli, e nelle civilt pi varie, nessuno aveva messo in dubbio la legittimit e lopportunit della pena capitale per mantenere il buon ordine nella societ ed eliminare i rei di alcuni delitti. Anzi, nel secondo millennio, nellEuropa cristiana la pena di morte

spesso fu comminata anche agli eretici, accusati dal potere di minare, con le loro teologie, lintero corpo sociale. Solo con lIlluminismo si cominci a demolire alla radice limpianto teorico che fondava quella pena; e, in merito, una delle voci pi autorevoli fu quella di Cesare Beccaria con il suo Dei delitti e delle pene edito nel 1764: il libro fu messo allIndice dalla Curia romana, ma, anche per influsso di quelle idee, nel 1786 il granduca Pietro Leopoldo di Toscana nel suo territorio proib la tortura e abol la pena di morte: il primo a farlo, in Europa! Nel regno dItalia vigeva la pena di morte; essa invece fu abolita nella Repubblica italiana. Anche nello Stato pontificio era in vigore; rimase poi nella legislazione dello Stato della Citt del Vaticano nato nel 1929, anche se mai comminata; sar Paolo VI, nel 1969, a cancellarla. Il Catechismo della Chiesa cattolica, varato da Giovanni Paolo II nel 1997, ammette, in linea di principio, la pena capitale, anche se la ritiene desueta e sostituibile con pene alternative. Negli ultimi decenni in larga parte dellopinione pubblica mondiale si affermata lidea che la pena di morte fosse una vendetta dello Stato contro un reo,

da eliminare: si dimostrato che non vero che la paura della pena capitale faccia diminuire i

delitti. Questi i condannati a morte, nel 2013: Cina 1000, Iran 369, Iraq 169, Arabia saudita 79, Stati Uniti 39. Deve continuare a essere vigile limpegno, giuridico e culturale, perch Nessuno tocchi Caino. Ma, per essere umili e realisti, sarebbe bene che tutti, Stati e Chiese, non scordassero il loro passato.