HOME PAGE CDB CHIERI 

 

Guerre e clima tra le cause principali dellesodo di decine di milioni di migranti

 

Marinella Correggia

 

Il manifesto del 26.8.2015

 

Nel 2015 140 milioni di persone costrette a fuggire a causa di siccit e alluvioni

 

 

Lavoratori migranti in fuga dalle nostre guerre, sfollati dalla nostra guerra al clima, vittime dello sfruttamento post-coloniale: tre categorie a cui negato tutto. Eppure, accoglierli non generosit, un obbligo da parte di chi colpevole delle loro sventure: anche lEuropa. Stima lo State of the World 2015 del World Watch Institute che fra il 2008 e il 2013 le persone che abbiano dovuto spostarsi in altre aree o paesi, a causa dei disastri ambientali e climatici, siano state circa 140 milioni. Solo una piccolissima minoranza bussa alle porte dellOccidente. Dove un migrante ambientale o economico non ha diritto allo status di rifugiato (perch non fugge direttamente da guerre od oppressioni): bollato come clandestino e respinto al suo paese, o schiavizzato in campagna dai caporali, con infinite complicit. Eppure, dei danni da caos climatico sono responsabili i paesi abbienti, gi colpevoli di sfruttamento coloniale e post-coloniale ai danni di Africa, Asia e America latina.

Anche la quasi totalit delle decine di milioni di sfollati e rifugiati di guerra nel mondo rimane allinterno dei rispettivi paesi o nei paesi confinanti; solo 600mila sono stati accolti in Europa. Eppure, i conflitti che lOccidente conduce con i propri bombardieri o fomenta senza subire mai conseguenze in termini penali, economici e politici continuano a provo- care esodi biblici: non solo di cittadini dei paesi bombardati o attaccati, ma anche di milioni di migranti che in quei paesi lavoravano. Un nigerino o un burkinab che, perso il lavoro in Libia a causa della guerra della Nato nel 2011, cercano di approdare in Europa, non hanno diritto di essere riconosciuti come rifugiati. E invece, dovrebbero avere addirittura avere, dai paesi Nato, un risarcimento danni.

Ecco alcuni numeri sulle fughe dai conflitti prodotti o direttamente fomentati dallOccidente, negli ultimi 25 anni. LItalia non si mai sottratta

 

1991: Tempesta nel Golfo, guerra allIraq. La guerra provoca lesodo di circa tre milioni di persone dallarea. Fra questi, 300mila lavoratori palestinesi vengono espulsi per vendetta dal Kuwait liberato e da altre petromonarchie, o lasciano lIraq distrutto dalle bombe e impoverito e dal successivo embargo. Abbandonano lIraq in tutto circa un milione di lavoratori stranieri (bengalesi, egiziani, yemeniti, filippini, indiani, pakistani).

LArabia saudita espelle circa 800mila yemeniti perch il loro paese non ha votato a favore della guerra allIraq.

 

1999: Operation Allied Force, bombe Nato su Serbia e Kosovo . Lazione militare, non approvata dallOnu, provoca invece di prevenire o arrestare lesodo di massa di centinaia di migliaia di kosovari. Dopo la vittoria della Nato, sono i serbi a fuggire a decine di migliaia dal Kosovo liberato.

 

2003: Operazione Iraqi Freedom, bombardamenti e invasione/occupazione dellIraq. Varia fra i 3,5 e i 5 milioni il numero di iracheni sfollati interni e rifugiati allestero a causa delloccupazione anglo-statunitense (con alleati) del 2003 e della successiva guerra setta- ria. A partire dal 2014, un milione e 800mila iracheni hanno lasciato le loro case di fronte allavanzata del cosiddetto Stato islamico in Iraq.

 

2011: Libia, Unified Protector, sette mesi di bombardamenti Nato. Fino al 2011 in Libia lavoravano oltre due milioni di stranieri, regolari o irregolari, fra nordafricani (in primis egiziani), africani sub-sahariani e asiatici (70-80mila dal Bangladesh). Con le bombe della Nato e la concomitante caccia al nero da parte dei ribelli libici alleati della Nato sul campo, lasciano la Libia 800.000 lavoratori migranti. Con larrivo dei ribelli a Tripoli, fine agosto 2011, lasciano il paese anche quasi due milioni di libici, distribuiti soprattutto fra Tunisia e Libia senza un vero status di rifugiati.


2011-oggi: Siria, guerra fomentata da paesi Nato e petromonarchi Dal 2011, sei milioni e mezzo di siriani sono diventati sfollati interni; tre milioni hanno lasciato il paese. Poche centinaia di migliaia hanno ottenuto asilo in Europa.

 

2015: Yemen, bombardamenti dellArabia saudita e alleati. A partire dal 26 marzo 2015, con i bombardamenti sullo Yemen da parte di una coalizione di paesi arabi guidati dallArabia Saudita e cn lappoggio tecnologico degli Usa, oltre un milione di yemeniti si sono spostati in altre zone. Sono altri potenziali richiedenti asilo in Europa. LArabia sau- dita il primo acquirente di sistemi darma dallItalia