I miei cinque dubbi su papa Francesco di Vito Mancuso - La stampa del 10.2.2022 - Avverto infatti dentro di me un doppio sentimento: una parte di me applaude, un’altra rimane perplessa, e cerco di capire perché.

I cinque cerchi spezzati di Manlio Dinucci, il manifesto 08.02.2022 - Stati Uniti e Gran Bretagna aiuteranno l’Australia ad acquisire sottomarini a propulsione nucleare, armati di missili sicuramente anche a testata nucleare, tipo il Trident D5 Usa che può trasportare fino a 14 testate termonucleari indipendenti. Questi sottomarini di fatto sotto comando Usa, avvicinandosi alle coste della Cina e della Russia, potrebbero colpire in pochi minuti i principali obiettivi in questi paesi con una capacità distruttiva pari a oltre 20 mila bombe di Hiroshima.

CRISI UCRAINA

Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato di Barbara Spinelli – il fatto quotidiano del 9/5/2022 - L’analisi • Azov, i Servizi e i gruppi paramilitari dal 2014

Sparatori di cazzate e battaglioni-talk di Moni Ovadia – il fatto quotidiano del 6/5/2022 - Dittatura mediatica. Tic e trucchi degli arruolati nella vulgata atlantista, auto-schierati dalla parte del “bene” contro il “male” Putin..Citazioni storiche a vanvera e ridicola difesa dei “nazisti” di Azov

“Mi vergogno per l’occidente. Il Papa e la pace sono oscurati” Intervista a Enzo Bianchi ex priore di Bose - Il Fatto Quotidiano del 20/4/2022 Nessuno vuole negoziare, nemmeno i governi europei che sono completamente appiattiti su quello degli Stati Uniti. Io provo vergogna per loro. Dovremmo arrossire tutti per una guerra tra noi europei, tra noi cristiani, per la nostra partecipazione a una alleanza militare che pretende di espandersi contro la sicurezza di altri Paesi

La nonna di Biden e il secolo di ferro di Barbara Spinelli - il fatto quotidiano del 29.3.2022 - È la strategia del caos che Washington adotta da quando fantastica di aver stravinto la guerra fredda, di poter violare i patti del 1990 con Gorbaciov, di dominare il mondo con destabilizzazioni belliche regolarmente sconfitte: in ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria

I nazi-illuminati dell’Azov: prima le torture, ora Kant di Daniela Ranieri - Il Fatto Quotidiano 27 Mar 2022 - Nel 2010, Biletsky disse che la missione dell’ucraina era “guidare le razze bianche del mondo in una crociata finale contro gli Untermenschen (popoli inferiori, ndr) guidati dai semiti”

“Spese militari, uno scandalo”: l’urlo del Papa contro il riarmo di Francesco A. Grana – il fatto quotidiano del 23.3.2022 - Francesco ha aggiunto che “bisogna creare la coscienza che continuare a spendere in armi sporca l’anima, sporca il cuore, sporca l’umanità

“Guerra ucraina, la Nato ha colpe gravi. E il Parlamento non ascolta i pacifisti” intervista a Giovanni Ricchiuti arcivescovo a capo di Pax Cristi di Tommaso Rodano – il fatto quotidiano del 23.3.2022 - La condanna all’aggressione operata da Putin è totale. Ma non possiamo con questo dimenticare, o peggio ancora assolvere, la Nato (di cui l’Italia fa parte) dalle sue gravi responsabilità”.

Ucraina, l’UE ignora. I nostri interessi di Barbara Spinelli – il fatto quotidiano del 21.3.2022 Circola un numero talmente spropositato di menzogne, sulla guerra in Ucraina, che pare di assistere a un contagio virale. I ragionamenti freddi (o realisti) vengono sistematicamente inondati da passioni bellicose e molto calde

In Ucraina è guerra contro l’uomo. «L’immensa complessità di ciò che sta attorno». Intervista a Riccardo Petrella di Simone M. Varisco - Da www.caffestoria.it - 14 Mar 2022 - La guerra in corso in Ucraina è una violenza inaccettabile. Si può dire il frutto di quasi un secolo di responsabilità incrociate, diffidenze reciproche, impegni disattesi e differenti interpretazioni delle relazioni internazionali. Eppure, per molti versi, è anche la conseguenza di un pensiero sorprendentemente comune ai due schieramenti: la guerra contro l’uomo. Fra aspirazioni imperiali, pace imposta con le armi e un mondo che sta cambiando. È «l’immensa complessità di ciò che sta attorno alla guerra in Ucraina e la difficoltà di trovare una soluzione».

“Inviare armi è etico solo se si può vincere, se no è inutile strage” intervista al teologo Severino Dianich di Tommaso Rodano – il fatto quotidiano del 13.3.2022 - Credo che l’esaltazione della patria e dell’indipendenza nazionale come valore assoluto, da difendere anche attraverso un massacro e il sacrificio di vite umane, sia una piaga del nazionalismo dell’800. Bisogna trovare un equilibrio tra il valore dell’indipendenza di un popolo, che è innegabile, e il prezzo da pagare in vite umane per rivendicare quel valore.

“Se inviamo altre armi aumenteranno i morti: si rischia una nuova Siria” intervista a Alessandro Orsini di Lorenzo Giarelli – il fatto quotidiano del 12.3.2022

Putin ha imparato la lezione da noi di Fabio Mini – il fatto quotidiano del 10.3.2022 - Tutto parte dalla Nato. L’espansione dell’Alleanza Atlantica contro il suo stesso Trattato è la principale causa dello scontro. Il finto idealismo dei ‘liberal ’ spinge gli Usa all’avventura. Abbiamo fatto lo stesso in Serbia

Ucraina, era tutto scritto nel piano della Rand Corp. di Manlio Dinucci - Rete Voltaire 8 marzo 2022 - Se si giudica con un po’ di distacco gli avvenimenti molto angoscianti di oggi, si capisce che la guerra in Ucraina non è un’iniziativa russa, nonostante sia stata la Russia a prendere l’iniziativa dei combattimenti per mettere in cortocircuito le forze ucraine che si apprestavano ad attaccare la Crimea e il Donbass. La guerra è stata pianificata dal 2019, come dimostra il piano della Rand Corporation, presentato alla Camera dei rappresentanti il 5 settembre 2019.

L’inconsulto bisogno di un nemico a est. di Barbara Spinelli – il Fatto Quotidiano 8 marzo 2022 - C’è chi, senza sapere cosa dice, si felicita della fermezza Ue e delle armi inviate in Ucraina, perché lo scannamento continui sui nostri schermi. Invece occorre sedersi con Putin per fare la

Non indossiamo l’elmetto! di Domenico Gallo - Volerelaluna.it  del 4/3/2022 - Da quando è iniziata la tragedia della guerra, il 24 febbraio, non è esploso soltanto un sanguinoso conflitto. È dilagato in tutt’Europa lo spirito della guerra, si è materializzata l’immagine del nemico ed è iniziata una mobilitazione bellica nella comunicazione, nella cultura, nelle coscienze. È stata criminalizzata ogni critica ed è, infine, iniziata la corsa non alla pace ma alle armi.

Ucraina neutrale: ora la UE si impegni di Pino Arlacchi – il Fatto quotidiano del 4 marzo 2022 - Mandare un po’ di missili e munizioni a Kiev e raccontare che in questo modo si rovesciano le sorti di una guerra il cui esito è segnato al 95%, è solo un esercizio di irresponsabilità. Serve a indurire ulteriormente la Russia, esasperare il conflitto e rendere più arduo il negoziato che lo concluderà

Una guerra nata dalle troppe bugie – di Barbara Spinelli – il fatto quotidiano del 26.2.2022 - Le ragioni del conflitto. La prevedibile aggressione russa e la cecità di Stati Uniti e Unione europea. Ecco perché cominciare ad ammettere i nostri errori è il primo punto per costruire la pace

La guerra di Putin e le colpe dell’Occidente - Domenico Gallo - Volerelaluna.it  24/02/2022 – Questo processo è iniziato il 12 marzo 1999 con l’ingresso, o meglio con l’estensione, della NATO in Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria in aperta violazione degli accordi presi con l’ex Unione Sovietica da Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania, come risulta dal documento datato 6 marzo 1991recentemente pubblicato da Der Spiegel.  

Si fronteggiano potenze nucleari, salviamo la pace con la paceAlex Zanotelli, 25.02.2022 il manifesto - È follia l’attacco di Putin contro l’Ucraina, ma altrettanto folle la politica della Nato nell’inclusione dei paesi dell’ex-Patto di Varsavia. La Nato, sorta come alleanza militare dell’Occidente contro i paesi comunisti, non sarebbe dovuta scomparire con la caduta del muro di Berlino?

L’espansionismo Nato in Europa - Manlio Dinucci - Febbraio 22, 2022 il manifesto - Nella escalation Usa-Nato, chiaramente diretta a far esplodere una guerra su larga scala nel cuore dell’Europa, entrano in gioco le armi nucleari. Fra tre mesi inizia negli Usa la produzione in serie delle nuove bombe nucleari B61-12, che saranno schierate sotto comando Usa in Italia e altri paesi europei, probabilmente anche dell’Est ancora più a ridosso della Russia

Ucraina, fallimento europeo e atlantista Alberto Negri, 17.02.2022 il manifesto - L’Ucraina ha acquistato la propria sovranità solamente dopo l’implosione sovietica. In precedenza il territorio era suddiviso tra gli imperi zarista e austro-ungarico, arrivando all’indipendenza per un breve periodo dopo la fine della prima guerra mondiale, prima di essere incorporata nell’Unione Sovietica.

Ucraina, il perché della crisi di David TeurtrieLe monde diplomatique il manifesto n°2 – febbraio 2022

La crisi ucraina come simulazione di guerra per il gas di Alberto Negri, il manifesto - La posta n gioco è una simulazione di guerra sì, ma del gas. La verità che è che gli americani vogliono far saltare il gasdotto Russia-Germania, il Nord Stream 2

Ucraina, genesi di un conflitto di Rossana Rossanda - da sbilanciamoci.it  29 Giugno 2014 - Stampa e Tv disegnano il quadro di un’Ucraina povera ma democratica che si dibatterebbe nelle grinfie dell’orso russo che, dopo avere strappato la penisola di Crimea, se la vorrebbe mangiare tutta. Ma la storia dei rapporti tra Russia e Ucraina è tutt’altro che lineare. E l’Europa sembra avere dimenticato storia, geografia e politica