HOME PAGE          SOMMARIO TEMI


SPIRITUALITA' - IMMAGINARI DI DIO - ECOTEOLOGIA

E' pericoloso credere in Dio - di Juan Luis Herrero Del Pozo - Il pensiero magico di una fede  tradizionalista ci restituisce un Dio falso - da ADISTA n°49 - 10.7.2004  

Spiritualità - Se il cielo si sposa con la terra  di Leonardo Boff - da ADISTA n° 32 del 21.3.2009


“Oggi non ho più di questi sogni”, dice il cardinale  - di Pedro Casaldáliga - da ADISTA n° 29 del 14.3.2009

LA NOTTE VIGILE DEI POVERI  di Pedro Casaldáliga e José María Vigil ADISTA n°89 del 12.9.2009

Una profezia nella voce dell’universo. Un’alleanza tra scienza e fede per salvare la vita sulla terra. Le voci del cosmo: frammento di nuove rivelazioni  di Marcelo Barros da ADISTA n° 2 del 9.1.2010

Se la vita è senza fede di Vito Mancuso in “la Repubblica” del 26 febbraio 2010 - Lo ribadisco: un uomo nell’intimo della sua coscienza può escludere esplicitamente ogni riferimento al divino e al contempo vivere nel modo più autentico, cioè servendo il bene, la giustizia, la ricerca della verità, la bellezza. E viceversa un uomo può professarsi credente, magari rivestirsi di sontuosi paramenti, e tuttavia rappresentare la negazione più drammatica del bene e della giustizia: la storia della Chiesa offre migliaia di esempi al riguardo

L’amore che feconda l’universo. Il libro di Marcelo Barros su ecologia e spiritualità di Claudia Fanti ADISTA n°  del 2010 - i diversi percorsi spirituali possiedono tradizioni, credenze e intuizioni che possono offrire un importante contributo al consolidamento di una cultura di pace e di comunione con l’universo. Di certo, “l’impegno di una religione nei confronti della sostenibilità socio-ambientale e della giustizia oggi è il criterio per la sua credibilità”.

La materia non esiste, tutto è energia  di Leonardo Boff  - ADISTA n* 89 del 20.11.2010 - Non c'è nessuna teoria scientifica, sottolinea Boff, che definisca questa energia di fondo. Ma essa costituisce forse “la migliore metafora di quello che significa Dio”.

Homo homini frater  di Vito Mancuso ADISTA n° 90 del 3/12/2011- Quello che io sostengo è l’homo homini frater. La possibilità, cioè, di guardare l’altro e scoprire in lui non un nemico e neppure un dio, ma un fratello

La base biologica della spiritualità di Leonardo Boff-  fonte: Cdb Italia settembre 2012 -  lo spirito rappresenta la dimensione dell’umano profondo.

Scovato dopo 50 anni il bosone di Higgs - La particella di Dio  di  Mauro Pedrazzoli "il foglio - mensile di alcuni cristiani torinesi" n° 394 - 9/2012 - «Io sono atea, ma dato che il bosone di Higgs è ciò che sta alla base di tutto quel che esiste, lo chiamerei direttamente Dio», ha scritto Margherita Hack

 La filosofia della routine intervista a Zygmunt Bauman, a cura di Raffaella De Santis la Repubblica” del 20 novembre 2012 - «Il bisogno di amare ed essere amati, in una continua ricerca di appagamento, senza essere mai sicuri di essere stati soddisfatti abbastanza. L’amore liquido è proprio questo: un amore diviso tra il desiderio di emozioni e la paura del legame».

 Necessario riscatto del sacro di Leonardo Boff da www.cdbitalia.it  13 dicembre 2012 - Una dimensione 'sine qua non' per inaugurare una nuova alleanza con la Terra risiede nel riscatto del sacro. Senza il sacro, l'affermazione della 'dignitas terrae' e dei suoi diritti rimane retorica senza effetti. Il sacro costituisce un'esperienza fondante. Esso sta sotto alle esperienze che hanno dato origine alle religioni e alle culture umane.

 Lo spirito creatore in un mondo che evolve  di Elizabeth Johnson ADISTA documenti n° 1 del 12.1.2013 - Al termine del suo celebre libro Dal Big Bang ai buchi neri, il fisico Stephen Hawking si pone il famoso interrogativo: «Che cos'è che infonde vita alle equazioni e che crea un universo che possa essere descritto da esse?».

Una nuova alleanza tra scienza e religione? di Leonardo Boff www.cdbitalia.it  2.02.2013 - ogni cosmologia suscita la questione di Dio e con ragione, dato che come diceva il  grande fisico David Bohm (premio Nobel):Le persone intuiscono una forma di intelligenza che ha organizzato, in passato, l’universo e l’hanno personalizzata chiamandola «Dio».

  Particella Dio o particella di Dio? Implicazioni filosofiche e teologiche. Leonardo Boff - www.cdbitalia.it  27.02.13 - Se diciamo che questa particella è Dio, sicuramente la teologia non l'accetta perché farebbe di Dio una parte dell'universo. Lui è di più. È quell'Energia di fondo, quell’Abisso che rende possibile l'universo e lo sostiene, antecedente al big bang

I miei primi, incerti passi verso l'Ecoteologia di Carlo Bianchin    2013 - Sono sfide enormi quelle che le nuove scienze dalla cosmologia alla fisica quantistica pongono alla teologia in termini di comprensione della rivelazione biblica, della creazione e di Dio stesso . ( Barros)

 Le implicazioni dell’evoluzione per la semantica della fede di George V. Coyne ADISTA n° 31 del 14.9.2013 - George V. Coyne, direttore della Specola Vaticana dal 1978 al 2006... Se rispettano i risultati della scienza moderna, i credenti devono allontanarsi dalla nozione di un Dio dittatore, un Dio newtoniano che ha fatto l'universo come un orologio che ticchetta regolarmente. 

Passione eretica di Gad Lerner “la Repubblica” del 19 settembre 2013 - Capace di avvicinare fede e ragione. Mancuso lo sintetizza nella formula: Logos + Caos = Pathos. Il principio passione, appunto,come amalgama  dell’eterno conflitttra la razionalità di un disegno superiore la casualità materiale.

“Ripensare la provvidenza”: oltre l’immagine di un Dio che interviene nella storia - L’autonomia umana e la creazione per amore di Andrés Torres Queiruga - ADISTA n° 35 del 12/10/2013

Siamo liberi? di María López Vigil ADISTA n° 37 del 26/10/2013

 Quel giusto equilibrio tra il cuore e la mente di Vito Mancuso la Repubblica” del 29 dicembre 2013 - Come Caterina Simonsen, anch’io ho scelto di non mangiare più carne, è una scelta che mi fa sentire solidale con la vita, che reputo sacra in ogni sua manifestazione, umana e animale

 L'ansia di riempire il vuoto interiore di Massimo Recalcati la Repubblica” del 29 dicembre 2013 - Di nuovo troviamo al centro il binomio depressione-narcisismo che è, a mio giudizio, un binomio decisivo per intendere  più in generale  le mutazioni antropologiche del nostro tempo. 

Compassione cosmica. Intervista con Brian Swimme* fonte: cdb italia febbraio 2014 - Nel 1989 Brian Swimme ha fondato il Centro per la Storia dell’Universo presso il California Institute of Integral Studies (CIIS), dove è anche professore di cosmologia. Secondo il cosmologo,  l’universo è una rivelazione continua, radiosa, sfolgorante.  Swimme racconta la storia dell’universo nella speranza che questa vasta visione ci catapulti oltre la miopia delle nostre menti limitate di primati. 

Il cosmo e l’evoluzione sono tutto un Dharma - Risposta a Telmo Pievani di Vito Mancuso www.micromega.net  1/2014 – Almanacco della scienza

Mancuso: “Prodigi nati dall’energia della mente” intervista a Vito Mancuso a cura di Alessio Schiesari “il Fatto Quotidiano” del 7 aprile 2014 - Non li nego, ma credo in una spiegazione diversa:  sorgono dal basso, dall’energia della mente umana, che non dominiamo del tutto e che la scienza non è in grado di spiegare.

 Alla ricerca del “Tao della liberazione”. Una rivoluzione della coscienza verso la “Grande Svolta”di Claudia Fanti - Il cosmo come rivelazione - di  Leonardo Boff e Mark Hathaway Adista Documenti n° 13 del 5/4/2014

Perdonare e farsi perdonare. Il valore della teshuvà ebraica di don Franco Barbero  In “cdb informa" n° 58 – aprile 2014

L’universo come scenario della rivelazione divina. Le implicazioni spirituali della fisica quantistica - Una nuova narrazione  di Diarmuid O’Murchu - Adista Documenti n° 21 del 7/6/2014 «La scienza non può risolvere il mistero ultimo della natura. Ed è così perché, in ultima istanza, noi stessi siamo parte del mistero che cerchiamo di risolvere» (Max Plank)

Premesse equivoche? La Terra potrebbe sbarazzarsi di noi. di Leonardo Boff  fonte: www.cdbitalia.it 7/2014

 Quella via laica alla speranza che ci rende tutti immortali di Zygmunt Bauman “la Repubblica” del 24 settembre 2014 - Non siamo dèi e non tutto sta nelle nostre forze, pur sempre solo umane — ma ciò che possiamo fare basta ampiamente a riempire una vita valida e degna